Android 9 P

Developer Preview

Android 9 P è la versione 9.0 del sistema operativo che presenta tra le altre novità anche una migliore gestione delle notifiche o il posizionamento interno

9/10 (8 Voti)

Il sostituto di Android Oreo sta già funzionando. Si tratta di Android 9 P, anche se non sappiamo quale sia il dolce che si nasconde dietro la sua lettera. Ma quello che importa della versione 9.0 del sistema operativo è che è già disponibile la sua versione developers preview, ovvero la versione riservata ai programmatori. Tuttavia è disponibile soltanto per un limitato numero di dispositivi.

Quali sono le principali caratteristiche di Android P?

Il sostituto di Android 8.0, che dev'essere installato manualmente, secondo Google è destinato a migliorare aspetti basici del sistema operativo, come per esempio la gestione delle notifiche, il numero di processi in secondo piano che spesso rallentano il rendimento del dispositivo e consumano la batteria, i metodi che si seguono per codificare alcuni archivi o il sistema di completamento automatico. Tutte queste novità vogliono rendere più usabile e leggero questo sistema operativo, e anche maggiormente ottimizzato in attesa degli smartphone in arrivo.

Android P, la versione 9 di Android è sempre più vicina.

Ecco le principali novità di Android P:

  • Inclusione di supporto nativo per il notch, sempre più presente sui telefoni Android.
  • Posizionamento interno mediante wifi RTT che offre una localizzazione molto più concreta e precisa. Con questa funzione potremo utilizzare la navigazione indoor e il controllo vocale per controllare la domotica di una casa.
  • Miglioramenti nel sistema di notifiche, sia a livello visivo, sia a livello funzionale. Permette di condividere messaggi dalla barra delle notifiche e ottenere anteprime dei contenuti multimediali.
  • Suggerimenti di risposta per applicazioni come Gmail.
  • Design rivisitato per l'aspetto grafico nella barra delle notifiche, con forme più arrotondate.
  • Limitazione dell'accesso a microfono, videocamera e sensori delle app che si trovano in secondo piano.
  • Supporto nativo per codec di video e di immagini come HEIF e HDR VP9 Profile 2.
  • API per permettere ad app di terzi di acquisire informazioni dal sensore secondario nel caso di una doppia videocamera.
  • Miglioramento del completamento automatico del testo nelle app.
  • Miglioramenti generali del rendimento.
  • Miglioramenti in Doze per ottenere un cambiamento nel controllo energetico del sistema.
  • Nuova API per pagamenti mobili.

Per ora questa versione developers preview è disponibile esclusivamente per i Google Pixel e dovremo pazientare prima che si estenda ad altri dispositivi.

E infine parliamo di quella P, una delle cose che diverte maggiormente i media, perché si tratta di capire il nome con il quale verrà lanciato Android 9.0: Petit Four, Poundcake, Pastille, Pancake, Profiterole noi di Malavida scommettiamo su Pandoro o Panna Cotta. E voi, che ne dite?

Requisiti e informazioni aggiuntive:
  • L'installazione va eseguita manualmente.
  • È disponibile soltanto per telefoni Google Pixel.
Google
Quest’anno
6 mesi fa
1,2 GB

Vogliamo sapere la tua! Ti va di lasciarci una recensione?

Disconnesso

Disconnesso